Come fare per dimagrire la pancia in menopausa

Come controllare l'aumento di peso in menopausa?


Come fare per dimagrire la pancia in menopausa? Tantissime donne che vivono questa particolare fase della vita si pongono questa domanda, preoccupate per il loro stato di forma, cerchiamo dunque di capire come mai i gonfiori addominali sono spesso messi in relazione, appunto, proprio con la menopausa.

 

La menopausa è un periodo che si vive indicativamente attorno ai 45 anni, e che corrisponde alla perdita della fertilità femminile. In questa fase, l'organismo subisce una serie di scombussolamenti ormonali piuttosto importanti, i quali possono comportare diversi tipi di disturbi fisici e psichici, oltre che implicare diverse problematiche di natura prettamente estetica.


I risvolti problematici della menopausa sono numerosi, anche se, nella maggior parte dei casi, si tratta ad ogni modo di manifestazioni non particolarmente temute.


La menopausa, innanzitutto, può comportare l'aumento di peso, dunque può implicare lo svilupparsi di accumuli adiposi sulla zona addominale, allo stesso tempo, inoltre, può accadere che la donna in menopausa veda indebolirsi la sua struttura ossea, aspetto questo che merita certamente una particolare attenzione e, per tale motivo, è bene prevedere un'alimentazione sufficientemente ricca di calcio per preservare la robustezza della struttura ossea.


Allo stesso tempo, è piuttosto frequente che durante la menopausa si verifichino dell vampate di calore, delle manifestazioni fortunatamente circoscritte a pochi minuti, ma che, tuttavia, si rivelano in spessi casi molto fastidiose.


Nell vampate di calore, infatti, la temperatura corporea aumenta in modo repentino, si verifica una sudorazione piuttosto intensa, il battito cardiaco aumenta e, in generale, la donna viene interessata da un profondo senso di ansia e di disagio.


Non si tratta, è utile precisarlo, di manifestazioni pericolose, ma il fastidio che possono comportare, per quanto limitato esclusivamente a pochi minuti, è tutt'altro che agevole da vivere.


Altri risvolti negativi che una fase di menopausa può avere, inoltre, riguardano la sfera prettamente psichica: può accadere infatti che, gli scombussolamenti ormonali che si verificano in questa fase, favoriscano l'insorgere di leggeri stati depressivi, oppure di manifestazioni di stress e di ansia, come ad esempio degli attacchi di panico.


Si tratta, nella maggioranza dei casi, di fenomeni circoscritti e non particolarmente temibili, tuttavia è sicuramente positivo rivolgersi ad uno specialista nel caso in cui dovessero manifestarsi in modo particolarmente acuto. 

 

Il repentino aumento di peso, appunto, è un fenomeno che interessa moltissime donne che attraversano questa fase, ed allora come fare per fare dimagrire la pancia in menopausa?

 

Certamente, la dieta ha un ruolo fondamentale, dunque è vivamente consigliato avvalersi della consulenza di un nutrizionista. Solo e soltanto un nutrizionista, d'altronde, può occuparsi di progettare una dieta e di proporla ad un suo paziente, e solo questo professionista è in grado di valutare, nello specifico, le esigenze della singola paziente, proponendo così delle abitudini alimentari mirate.


In linea generale, è bene seguire un regime alimentare povero di proteine animali e di grassi, e ricco di fibre, di vitamine, di sali minerali e di calcio. 

 

Assolutamente da evitare dei vizi poco salutari quali l'alcol ed il fumo, mentre al contrario è molto utile bere molta acqua nell'arco della giornata, anche lontano dai pasti.

 

Praticare una sana attività fisica può essere molto utile per ridurre i gonfiori addominali, dal momento che, come risaputo, lo sport favorisce lo smaltimento dei grassi in eccesso e migliora la circolazione. Ovviamente, bisogna praticare un'attività leggera, adatta all'età della persona ed alle sue possibilità fisiche.

 

In linea generale, comunque, per dimagrire la pancia in menopausa è utile anzitutto cercare di superare questa fase in maniera serena ed indolore; per contrastare i fastidi tipici di questo periodo può essere un'ottima idea quella di utilizzare, ad esempio, degli integratori anti-vampate di qualità, integratori realizzati quasi sempre a base di isoflavoni di soia i quali riescono effettivamente ad attenuare, in maniera considerevole, l'entità delle vampate.

 

 

comments powered by Disqus

Iscriviti alla Newsletter

Email

Approfondimenti

Gonfiore addominale in menopausa: come contrastarlo?

Gonfiore addominale in menopausa: come contrastarlo? La comparsa di un antiestetico gonfiore addominale in menopausa è un fenomeno tutt'altro che raro tra le donne che vivono questa particolare fase... Leggi tutto

Menopausa e ritenzione idrica: che relazione c'è?

Menopausa e ritenzione idrica: che relazione c'è? Esiste un legame tra menopausa e ritenzione idrica? Moltissime donne che vivono questa particolare fase della vita, che consiste nella perdita... Leggi tutto

Curare la ritenzione idrica in menopausa

Curare la ritenzione idrica in menopausa Come si può fare a curare efficacemente la ritenzione idrica in menopausa ? Come risaputo, la ritenzione idrica è uno dei fattori alla base della... Leggi tutto

Top news

Caduta capelli in menopausa: perchè avviene?

Caduta capelli in menopausa: perchè avviene? La caduta dei capelli in menopausa può rappresentare, per molte donne, un problema da non sottovalutare; è tutt'altro che raro, infatti, che... Leggi tutto

Relazione tra cellulite e menopausa

Relazione tra cellulite e menopausa Come mai vi è un legame piuttosto stretto tra cellulite e menopausa ? Per capire bene questo aspetto, è utile capire bene cosa è la menopausa e... Leggi tutto

Come evitare di perdere i capelli in menopausa

Come evitare di perdere i capelli in menopausa Come fare per evitare di perdere i capelli in menopausa ? Moltissime donne che vivono questa partiolare fase della vita, la quale corrisponde, come... Leggi tutto